27/01/10

Una ragazza di Pescara mi scrive: "Ho un sovrappeso di kg. 15 e non so più dove sbattere la testa per buttarli giù... Sono in cura da un dietologo ma i risultati sono lenti e mi sto deprimendo. Non entro nei vestiti, non chiudo le cerniere dei pantaloni, le t-shirt mi tirano da tutte le parti, ma non sono gonfia, sono solo grassa!!
Ho rinunciato da un pezzo a guardarmi allo specchio perché sono uno schifo... so che dovrei fare dell'attività fisica ma sono sempre stanca o forse sono troppo pigra? Vorrei sentirmi carina e magra ma proprio non ci riesco... Ho la pelle chiara e d'inverno senza abbronzatura mi sento una mozzarella... com'è possibile fare una buona impressione quando ci si sente cesso? Grazie per l'attenzione. Se puoi rispondere te ne sarò immensamente grata."

Mia cara ragazza, innanzitutto calmati e respira. Capisco che ti senti depressa e confusa, ma se ti agiti così non andrai da nessuna parte. Hai troppi obbiettivi da raggiungere ma non hai fissato i traguardi! Mi racconti che devi perdere 15 chili, ma in quanto tempo? Se sei seguita da un bravo dietologo saprai che per raggiungere dei risultati ci vuole tempo e pazienza. Ma tu sei troppo concentrata sull'ago della bilancia. E' necessario che ti "focalizzi" su altro, su qualcosa che sia più facile da raggiungere. Se riuscirai a portare a casa un risultato (alla volta), la gratificazione che ne trarrai ti aiuterà ad affrontare il seguente, e così via. Si tratta solo di metodo.

Iniziamo dall'attività fisica. Sento spesso persone che dicono: "da domani inizio ad andare in palestra" oppure "in primavera vado a correre" ma non riescono a mantenere le loro buone intenzioni, e sai perché? Perché manca la determinazione dello spazio temporale: da oggi a domani, oppure da lunedì a sabato, da gennaio a marzo, eccetera. Tutti noi andiamo di fretta e abbiamo un sacco di impegni quotidiani, ma se impariamo a fissare degli obbiettivi a breve termine, riusciremo a portare a casa un risultato. Prova a dire ad esempio: "a marzo farò nuoto ogni lunedì, oppure "andrò in palestra il martedì e il giovedì" ponendo dei traguardi che siano per te raggiungibili. Così facendo, quando finirà il mese, ti congratulerai con te stessa per essere riuscita a mantenere l'impegno e la gratificazione che ne riceverai ti servirà come spinta per programmare il mese di successivo. E così via, a piccoli passi. Fai le cose che ti piacciono, che sono più vicine alla tua personalità. Io, ad esempio, detesto correre ma amo ballare la musica caraibica. La salsa è la mia passione e appena posso approfitto per andare a ballare. Brucio calorie che è una meraviglia e mi diverto!

Un secondo obbiettivo a "portata di mano" potrebbe essere legato al tatto. Smetti di guardare il tuo corpo e inizia a sentirlo. Vai al Body Shop più vicino a te e procurati un guantino per lo scrub, o una manopola in crine leggero, e usalo con il bagnoschiuma sotto la doccia. E' un ottimo rimedio per rimuovere le cellule morte e dare luminosità alla pelle. Poi, spalma una crema idratante corpo (non un olio ma una crema). La tua pelle diventerà morbidissima e molto piacevole al tatto. Vedrai come ti sentirai meglio. Tra l'altro, accarezzarsi la pelle libera endorfine, molto utili per combattere la depressione.

Per quanto riguarda, invece, il pallore invernale, potresti fare una o due lampade abbronzanti per scaldare il colorito, ma senza esagerare.  Con la pelle "dorata" ti sentirai più attraente. Ma ponitelo a mo' di gratificazione, tipo: se alla fine della settimana ho fatto sufficiente esercizio fisico faccio la lampada, altrimenti nisba. Io lo faccio con i libri. Se riesco a tenere la "tabella di marcia" attiva mi compro un libro che mi piace. Risultato? Ho la libreria piena. E per sentirti meglio nel tuo corpo non rinunciare mai a indossare un bel paio di tacchi:  ti aiuteranno a slanciare la figura e a sentirti più femminile. E, se posso darti un ultimo consiglio: lascia perdere lo specchio. Per un po' - fino a quando non ti sentirai più sicura - puoi farne anche a meno.Un abbraccio.

di Gin Castelli

4 commenti

Anonimo ha detto... @ 3 febbraio 2010 10:39

Ciao Gin volevo un consiglio per me. Vorrei fare un po' di movimento perché ho messo su qualche kilo ma non so cosa scegliere... non amo correre e con questo freddo non mi sembra il caso di andare a camminare all'aria aperta... pensavo a qualcosa a portata di mano, tipo un attrezzo da mettere in salotto... Ke ne pensi degli step che vendono in TV? Sono efficaci davvero? E nel caso c'è qualche marca che potresti suggerirmi?
Grazie molte per la risposta, Annalisa

Layla ha detto... @ 6 febbraio 2010 04:23

Il trucco di Sentire il corpo è una vera perla di saggezza: parte tutto da lì.

Mi dispiace che una ragazza non sappia più riconoscersi per soli quindici chili in più. (15, per una ragazza di oggi si traducono facilmente in un peso di poco superiore ai cm dell'altezza, ovvero si è entro il BMI da pesoforma. O quasi)

Sono fortemente convinta che nel non sapersi volere bene in qualsiasi forma, che sia difettosa o meno, ci sia qualcosa che non va. Qualcosa da sanare ancora prima del numero sulla bilancia.

In questo caso magari si dà più importanza al pantalone firmato e stretto che ad altro: perché altrimenti comprare due taglie superiori non sarebbe un trauma.
(certo, oggi è difficile trovare taglie superiori alla 40, ma con un po' di sforzo...)

Accettarsi e piacersi non implica immobilizzarsi o peggio fallire un progetto di dieta: questo almeno secondo il mio dottore-nutrizionista-superesperto. Che pure mi vuole magra, ma non chiude gli occhi di fronte alla realtà... Che l'odio (per sé stessi) non produce molto di buono

GinCastelli ha detto... @ 6 febbraio 2010 13:15

@Annalisa
Carissima, lascia perdere gli attrezzi "da casa", conosco gente fortemente motivata che li ha acquistati e dopo il primo mese di entusiasmo li hanno lasciati a prendere polvere!
Cerca piuttosto di trovare in palestra un bravo personal trainer che ti imposti un programma, anche a corpo libero, o misto fra corpo libero e pesi. Ti aiuterà a superare le difficoltà iniziali e sarà un ottimo sprone per quando avrai poco voglia di fare. Fidati, so quel che dico... io insegno danza perché sono così pigra che se non fossi obbligata a fare lezione 3, 4 volte a settimana, avrei il sedere a forma di divano. E comunque mi sono presa un PT per fare un allenamento più mirato. Mi fossi iscritta in palestra senza tutor avrei frequentato due, tre mesi e poi mi sarei data "alla macchia" ^__^

GinCastelli ha detto... @ 7 febbraio 2010 06:09

@Layla

Quindici chili in più fanno la differenza se in partenza eri già rotondetta. Ma il punto non è lì. Piuttosto lo scoramento che deriva dall'aspettativa di somigliare sempre più a un ideale che non è quasi mai il nostro, ma quello di altri.
Che importa se ho un po' di rotolini sul punto vita o sui fianchi? L'importante è stare bene con noi stesse, volerci bene, apprezzare le nostre qualità. Tutto il resto... è veramente "relativo". E rincorrere un ideale al di fuori del nostro è fuorviante e distruttivo: ognuno ha un cammino da percorrere, unico e speciale. Cerchiamo di farlo al meglio senza invidiare quello degli altri :-))

Posta un commento