19/04/10

Ho comprato questa crema per pura curiosità perché era in promozione. Non ho mai avuto in effetti una grande simpatia per i prodotti di Bottega Verde ma questa volta mi devo ricredere. Premetto che ho una pelle mista, delicata e reattiva (a volte si arrossa) che non dimostra i suoi quarantanni: è ben idratata, tonica e con pochissime rughe. No, non è fortuna, solo costanza. Infatti, mi prendo cura della mia pelle sin dalla tenera età con i classici gesti quotidiani: detersione, crema giorno, strucco e crema notte prima di andare a dormire.

Una volta alla settimana scrub e doppia maschera: purificante e idratante. E' in queste condizioni che ho provato la crema antietà Retinolo Bio Plus. La consistenza è leggera a differenza di altri prodotti con le stesse caratteristiche, si assorbe facilmente e si sente subito la senzazione di "idratazione". I principi attivi sono interessanti: retinolo (vitamina A fonte principale di giovinezza per la pelle), acido ialuronico (idratante), vitamina E (antiossidante), Calendula (calmante e lenitiva), Ginseng (stimolante ed energizzante) e altri agenti nutrienti. Dopo un mese di utilizzo posso dire di aver visto la mia pelle migliorare nell'aspetto: è più compatta e idratata di prima. E' ottima come crema notte, ma perfetta anche come base per il trucco perché non unge. La consiglio sicuramente a una pelle mista che ha superato i 30 anni come crema giorno-notte e come "azione d'urto" in settembre, per ricaricare la pelle dopo un periodo al mare. Per quelle dopo i 40, se la crema non dovesse bastare, soprattutto nel periodo invernale, meglio integrare con un prodotto "più ricco" per la notte. Il prezzo? Secondo me è un po' alto: € 39,90 in negozio - ma online si può acquistare con sconti anche del 50%. Forse, con una confezione meno "lussuosa" si potrebbe risparmiare sul packaging e abbassare un po' il prezzo. Voto 7!

di Gin Castelli

8 commenti

Anonimo ha detto... @ 19 aprile 2010 06:27

Ciao :-) non conosco bottega verde ma da come hai descritto la crema sembra buona... se la trovo con lo sconto la compro sicuro. Grazie :-DD oly

Anonimo ha detto... @ 19 aprile 2010 08:11

Io invece conosco bottega verde, e sinceramente non mi trovo bene, sarà anche che sono una presentatrice avon, ma anche le mie clienti mi hanno detto che sono rimaste abbastanza deluse da bv.

GinCastelli ha detto... @ 19 aprile 2010 08:47

Cara presentatrice Avon,
non è tutto ora ciò che luccica e non c'è ditta di cosmesi che non abbia qualche pecca; se sai fare bene il tuo lavoro dovresti saperlo.

Ad esempio, basta leggere l'INCI sulla confezione (lista degli ingredienti della crema) per capire se il prodotto che hai davanti è di sintesi, cioè chimico o veramente naturale, verde; se contiene conservanti aggressivi (parabeni) o allergeni e sostanze sensibilizzanti. Io che provengo da una scuola completamente naturale ho una simpatia maggiore per aziende come Fitocose o Solimé ma non per questo se trovo un prodotto carino con bei principi attivi lo escludo dalla mia visione olistica. ^__^
Spesso il consumatore non sa niente della propria pelle (parlo per esperienza diretta) comprese le esigenze per mantenerla bella e sana. Così acquista d'impulso perché ha seguito una pubblicità senza chiedersi se è il prodotto è adatto o meno. Ma usare il cosmetico sbagliato può risultare controproducente, scatenando reazioni imprevedibili, tipo acne giovanile in pelli che hanno superato la quarantina. Occhio quindi a ciò che acquisti, ma anche a ciò che vendi :-))

Deborah ha detto... @ 21 aprile 2010 06:38

Beh, se sei simpatizzante per tutto ciò che è naturale ti capisco, anche io preferisco questo genere di prodotti, tanto da usare spesso scrub e maschere fatte in casa, ma se si parla di genti un po' "meno naturali", magari prodotti in laboratorio, non possiamo negare la grandiosità delle ricerche svolte sul campo ;)

Deborah ha detto... @ 21 aprile 2010 06:39

PS. Quella anonima di prima ero sempre io xD

GinCastelli ha detto... @ 22 aprile 2010 03:09

@Deborah
Sì, la cosmesi ha fatto grandi progressi, sia quella naturale che quella di sintesi, perlomeno da quando ho iniziato a studiarla io nel lontano '92 e posso dire che nel mio lavoro vedo risultati migliori, più immediati con i prodotti di sintesi che con quelli "verdi". Ma quello che non mi piace è che molte aziende continuano ad utilizzare fra i loro ingredienti sostanze come la paraffina, i petrolati e quei bruttissimi conservanti che sono i parabeni (tutta la numerosa famiglia) che non fanno bene alla pelle. Ed è più facile trovarli nei cosmetici di sintesi che in quelli cosiddetti naturali :-))

vi ha detto... @ 6 maggio 2010 01:51

apprezzo questo tuo commento, personalmente non mi piace molto b.v.
mi piacerebbe trovare ancora diverse tue opinioni su prodotti provati da te, c'è sempre da imparare.
Vi

GinCastelli ha detto... @ 6 maggio 2010 03:19

@Vi
Molto volentieri :-))
Presto ne troverai altre.

Posta un commento