13/05/10

Adoro i capelli lunghi. Sono così sexy e femminili! Però è importante che siano belli, lucidi e sani, soprattutto se hanno subito trattamenti chimici: tinta, meches, colpi di sole e permanente. Il mio biondo non è naturale ma è così "sano" da confondere diversi esperti del capello. Qual'è il mio segreto? Gli impacchi con l'olio periodici. Ho iniziato a curare i miei capelli con prodotti naturali negli anni '90, quando lavoravo per Solimé. Lì ho conosciuto le proprietà nutrienti e rigeneranti di tanti olii, come il mandorle dolci, il germe di grano e quello ai semi di lino.

Ed è appunto dell'olio di semi di lino che vi voglio parlare oggi, ottimo per nutrire i capelli secchi e sfibrati, per togliere il crespo e renderli soffici e lucidi.Trovate un momento tutto per voi. Io, per abitudine, faccio l'impacco di sera, un giorno prima di lavare i capelli, così le chiome hanno tutto il tempo di assorbire la quantità d'olio che serve. Acquistate un olio di semi di lino naturale; controllate bene l'etichetta e l'INCI, dove troverete il nome in latino "Linum usitatissimum". E' ottimo quello dei Provenzali: è economico, € 8,00, e l'erogatore spray permette un uso abbastanza "parco" del prodotto. Fate delle discriminature su capelli asciutti al fine di ottenere ciocche non troppo sottili: dividete prima metà testa nel senso verticale, poi ancora metà nel senso orizzontale. Il risultato saranno quattro sezioni uguali. Ma se avete tanti capelli, grossi e magari ricci, potete farne anche otto o dieci.

Pinzate con le mollette tre di queste e iniziate a lavorare su una. Spruzzate un po' d'olio sul palmo della mano e partendo dalla punta (quindi, contro squama) applicate l'olio massaggiando la ciocca e risalendo le lunghezze fino a 5 cm. di distanza dalla cute. A seconda di quanto assorbono i capelli - e di quanto sono rovinati e secchi - potrebbero servire da 3 a 6 spruzzi. L'importante è che al tatto i capelli siano umidi, non intrisi e gocciolanti d'olio! Una volta completate anche le restanti sezioni, pettinate con un pettine a denti larghi e raccogliete i capelli con una grande molletta, oppure legateli con un elastico fino a quando non andrete a dormire. Prima di coricarvi stendete un asciugamano sul cuscino, per evitare di sporcare la federa e... dormiteci sopra! Il mattino dopo basterà un normale shampo con i vostri prodotti abituali, condizionante o balsamo, per lavar via tutto l'olio e ottenere capelli lucidi, soffici e nutriti.

La frequenza ideale di questo impacco pre-shampo è: ogni 15/20 giorni su capelli sani, ogni settimana e fino a risultati visibili, su capelli sfibrati. Al mare, sulla spiaggia, è un ottimo rimedio per proteggere i capelli da salsedine e sole. In piscina è perfetto per contrastare gli effetti del cloro. Altri olii leggeri indicati per gli impacchi sono: ricino, madorle dolci e germe di grano, oppure, per un bel trattamento d'urto, provate con una miscela, in quattro parti uguali, di germe di grano, avocado, argan e jojoba. Questi ultimi sono una vera bomba per i capelli, ma in rapporto agli altri anche i più costosi.

di Gin Castelli

2 commenti

Cinzia ha detto... @ 24 maggio 2010 09:40

Interessante, grazie..stasera lo provo!

Cinzia (GO)

Erika ha detto... @ 31 maggio 2010 02:04

Ciao!! Sapevo dell'olio d'oliva ma li lascia pesantucci... almeno i miei! dici che x un capello grosso e riccio possa andar meglio il semi di lino?

erika

Posta un commento