14/07/11

Sul modello di donna filiforme, o meglio inconsistente, che nonostante le proteste continua ad ossessionare il mondo della moda, non hanno parole da spendere. “Tutte le frasi fatte che si dicono in queste circostanze potrebbero risultare banali” è il pensiero di Glenda Lombardi, che assieme alla madre Marilisa Michelini ha dato vita a due celebri linee di abbigliamento per taglie comode.

A rendere protagonista una donna “vera”, in carne e ossa, e non uno stereotipo, Marilisa e Glenda ci pensano attraverso il lavoro di tutti i giorni: raccogliendo il testimone dello “storico” marchio Gigliorosso, sul mercato fin dal 1986. A partire dal 1994 madre e figlia hanno realizzato due linee di maglierie e confezioni donna per taglie conformate, “Gigliorosso” e “Maglé”, dedicate rispettivamente alla donna dai gusti classici e alla ragazza sportiva. È Glenda Lombardi, nell’azienda di famiglia responsabile della produzione, a rispondere alle nostre domande.


Come e quando avete avuto l’idea di occuparvi della moda per taglie forti?
«Mia madre nasce e cresce nel mondo dell’abbigliamento, fino ad arrivare alla creazione di campionari per la ditta in cui lavorava. Nel corso degli anni, visti i risultati positivi, l’evoluzione è stata aprire un’azienda in proprio continuando a creare la collezione “GIGLIOROSSO” per taglie forti secondo il proprio gusto, le linee moda e le esigenze di vestibilità. Io sono subentrata in azienda a 18 anni e svolgo diverse mansioni fino ad occuparmi della produzione dei capi ideati da mia madre. Dalla stagione primavera-estate 2011, visto le esigenze di un prodotto più giovane, ho cominciato a realizzare la linea “MAGLE’” in collaborazione con una stilista esterna, che si rivolge ad un pubblico giovane sempre in taglie forti».


Come nasce una vostra collezione e quali sono le vostre fonti d’ispirazione?
«Prendiamo spunto da ogni cosa, idea od oggetto, rimanendo in costante aggiornamento con i dettami della moda senza però prenderli per oro colato. Trasformiamo le idee in abiti che possono vestire bene tutte le forme e diamo molta importanza alla vestibilita’ dei capi, parte fondamentale per sentirsi bene con i propri vestiti».

La maglia: morbida, comoda ma anche avvolgente, pronta a sottolineare senza pietà ogni forma. Come si trasforma in abiti che valorizzano una donna “soffice”?
«Per creare una collezione adatta alle taglie forti la “maglia” può essere usata impostando i volumi giusti, tenendo conto dell’elasticità, del peso del tessuto, del modo in cui scivola addosso. Niente è irrealizzabile, basta conoscere quali sono le reali esigenze della persona e il comportamento dei tessuti. In più, durante la creazione dei nostri campionari proviamo ogni capo e ci accorgiamo immediatamente se esistono difficoltà di vestibilità: quindi, nel caso in cui le imperfezioni si possano correggere lo facciamo subito; altrimenti cambiamo materiale, se capiamo che proprio non funziona».

Qual è secondo voi il segreto dell’eleganza per una donna dalla 46 in su?
«Sentirsi bene con se stessa, non altro; saper portare gli abiti con un minimo di disinvoltura, sapere che anche con qualche chilo in più si può essere belle, alla moda (se si vuole) e affascinanti. Credo fermamente che tutto parta dallo stare bene con se stessi: solo in questo modo appariremo belle anche agli altri».



di Patrizia Rossetti

Per saperne di più scarica il catalogo Maglé estate 2011.

3 commenti

Holika ha detto... @ 18 agosto 2011 15:37

molto interessante questo marchio, ho visto il catalogo estivo 2011 ed aveva cose davvero degne di nota...

Anonimo ha detto... @ 31 ottobre 2011 07:55

eh.. ma i prezzi..?
le taglie comode costano.. ci vuole un patrimonio.. allora ti butti nel mercatino sperando di trovare qualcosa..


saluti da una 56...

GinCastelli ha detto... @ 9 novembre 2011 09:26

Chi vive sperando...
Scherzi a parte, la qualità si paga e spesso al mercatino trovi solo "cineserie" :-))

Posta un commento