20/09/11

"Cambia il modo di essere una miss a Miss Italia 2011" annunciava Patrizia Mirigliani. Basta piecercing, extension e artifizi vari; la bellezza è personalità e mal si concilia con gli eccessi e le trasformazioni. Fin qui, nulla da dire. Coi tempi che corrono un decalogo che detti regole precise, alle quali le miss devono adeguarsi, ci voleva.

Del resto Miss Italia dovrebbe rappresentare la bellezza italiana nel mondo. O no? Si alle forme morbide, alla taglia 44 che simboleggia una bellezza curvy e un modello sano. Come, come? Ho drizzato subito le orecchie... Si parla di curvy?? Davvero all'edizione 2011 di Miss Italia si parlerà di curvy? Non ci posso credere! Adesso si cavalca anche l'onda delle cosiddette "taglie morbide". Il titolo “Miss Curve d’Italia Elena Mirò” dedicato alle ragazze con la taglia 44 - continuava la Mirigliani - non è una stravaganza, ma una presa di posizione contro il mito della magrezza, una rivoluzione ‘etico-estetica’, come è stata definita, con risvolti che saranno approfonditi al momento opportuno. Bella mossa, non c'è che dire. La ragazza ha imparato dal padre che sapeva bene come rendere "interessante" lo show. Ricordate la prima miss mamma Mirka Viola? E la miss di colore che fece indignare i puristi? Senza contare l'handicap di Annalisa Minetti che portò la cecità sulla passerella di Salsomaggiore, con grande disinvoltura. Tutto fa spettacolo. Ed è evidente che le discussioni dello scorso anno sull'anoressia hanno smosso un certo interesse nei media. Ma io non ci casco e nonostante l'impegno del gruppo Mirò (ammirevole) che si batte da tempo per la bellezza delle curve, mi metto davanti al televisore con occhio critico.

Voi eravate lì? Avete visto la  manifestazione? Son sicura di sì. Allora ditemi: cosa ne pensate di questa edizione 2011? Ve la siete bevuta veramente la storia della taglia 44? Io neanche per un minuto. Hanno scritto che le candidate alla taglia 44 erano 500... Ma va? Certo, sarebbe stato bello, finalmente, poter vedere in passerella la vera, ripeto, la vera bellezza italiana, che come dice il mio amico Edoardo Bennato è fatta di curve: pancia, tette e culo. Tutta salute. Ma come si fa a trovare le curve su ragazzine in erba? Sì, è vero, il limite minimo di età è stato spostato a 18 anni. Sai che roba. Sempre di ragazzine parliamo. A voi piacciono le ragazzine? Io le adoro, giuro. Ma se si parla di Miss Italia è ora di portare avanti le donne. Donne. In carne. Con le curve. E non corpi acerbi interessanti solo per la moda. Se è di moda che vogliamo parlare cambiamo il titolo da Miss Italia a Miss Moda Italia, sarebbe più giusto. Ripeto, donne. Che rappresentino la vera italianità. Fatta di personalità, iniziativa e coraggio. Allora sì che le interviste in diretta avrebbero un senso. Perché ci sarebbe qualcosa di significativo da dire. Del vissuto da raccontare.

No, a me questa edizione non è piaciuta. Qualcuno dirà che da qualche parte bisogna pur iniziare, ma io non ci casco. Perché secondo me non c'è una vera intenzione a cambiare la mentalità, altrimenti in finale ci sarebbero state davvero le curve. E non fatevi ingannare dalle apparenze, la lotta è ancora dura. Lo testimoniano i fatti sui giornali: Valentina Cammarota vince il titolo taglia 44 ma è una taglia 42!

di Gin Castelli

4 commenti

sonia ha detto... @ 20 settembre 2011 09:33

che dire,
io ho fatto anni fa un casting "ciao magre"oltre la 46 dicevano
eravamo tantissime, e ce ne erano di belle ragazze, alla fine hanno scelto 2 taglia 44 che dire...
ci siamo abituate...s

Holika ha detto... @ 20 settembre 2011 15:29

anche a me non a convinto, però non so se è una questione di dire che 'miss italia' deve essere una donna vissuta, io le curve le avevo anche a 18 anni (mi sentivo grassa e avevo la 46 e ricordo un mio morosetto dell'epoca che mi diceva che magari a miss italia ci fosse stata una come me hahah!)e una miss è miss (e non mrs) proprio perché è giovane, poi che sia giusto o meno non lo so dire...

Anonimo ha detto... @ 21 settembre 2011 03:30

L'Italia è un paese di guardoni e pedofili sennò non si spiegherebbe tanto interesse per le squinzie in tv...

Lola

Eliana ha detto... @ 22 settembre 2011 02:25

anch'io ero scettica, però le ragazze in gara erano carine nonostante la magrezza :-))

Posta un commento